Con questo termine si intende una problematica che riguarda non tanto la persona stessa ma la comunicazione all’interno di una relazione. La relazione può riguardare il rapporto genitore-figlio, la coppia o tutta la famiglia. Per comunicare in modo efficace bisogna riuscire ad esprimere i propri bisogni ed emozioni in modo comprensibile e accettabile per gli altri tramite le parole e il comportamento. Allo stesso tempo bisogna capire i bisogni e desideri degli altri, ma non sempre questo avviene.

La difficoltà nelle relazioni può portare un membro della famiglia ad ammalarsi, perché a volte la malattia funge da equilibratore di una situazione disfunzionale.

Secondo Watzlawick l ‘uomo non è una monade , un pianeta isolato dagli altri , anche se è solo e in mezzo al nulla. E’ impossibile non comunicare perché ogni comportamento è comunicazione, trasmette agli altri un messaggio. Le relazioni malate sono caratterizzate da una lotta costante per definire la natura della relazione, nello stesso tempo i contenuti diventano sempre meno importanti. Basti pensare ai litigi per futili motivi dove si litiga e non si conosce il motivo.

A questo punto le regole del sistema vanno in tilt e la comunicazione si ammala e può essere guarita solo da un intervento esterno che ripristina le regole adatte a quel sistema in quel momento.

Il terapeuta essendo l ‘elemento neutrale può rendersi conto dei comportamenti e delle comunicazioni disfunzionali che i partner o i familiari mettono in atto e spiega le cose opportune da fare.